Albo pretorio online: indagine sullo stato di applicazione della legge

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Il Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione ha effettuato, in collaborazione con il Cnr, un’indagine approfondita sullo stato di applicazione della legge che riguarda gli albi pretori online nei siti internet delle Pubbliche Amministrazioni.

Il primo gennaio 2011 è entrato in vigore l’art. 32 comma 5 della Legge 69/2009 che sancisce l’effetto esclusivo di pubblicità legale dell’albo pretorio on line: la più rilevante innovazione degli ultimi anni nel campo della dematerializzazione dei processi documentali per le PA.

Qual è lo stato di applicazione della legge?

E’ risultato che finora solo 5.133 Comuni (pari al 66,80% del totale) hanno predisposto una sezione online dell’albo pretorio, così suddivisi su base regionale: 51 Comuni in Basilicata (40,5%), 50 in Molise (41,0%), 123 in Abruzzo (47,3%), 174 nel Lazio (52,7%), 119 in Friuli Venezia Giulia (56,4%), 167 in Trentino Alto Adige (56,6%), 140 nelle Marche (58,6%), 338 nel Veneto (59,1%), 152 in Puglia (60,8%), 239 in Sicilia (61,9%), 243 in Sardegna (64,5%), 47 in Valle d’Aosta (65,3%), 136 in Liguria (65,7%), 1.030 in Lombardia (68,8%), 243 in Emilia-Romagna (70,0%), 382 in Campania (71,4%), 291 in Calabria (74,6%), 68 in Umbria (78,2%), 882 in Piemonte (80,6%) e 258 (90,2%) in Toscana.

Nel caso particolare delle città metropolitane, è emerso invece che tutte sono in regola con la legge: non solo hanno collocato nell’home page del proprio sito (seppure con evidenza diversa) la sezione dedicata all’albo pretorio, ma molte vi hanno già inserito anche i bandi di gara. Sia pure in presenza di un quadro così positivo, va però notato come non tutte le città abbiano utilizzato questa occasione come front-office di una corretta e integrata gestione documentale: in alcuni casi si tratta infatti di mera rappresentazione digitale dei documenti prima esposti in forma cartacea. Al contrario, alcune città (ad esempio Milano) hanno utilizzato l’obbligo dell’Albo pretorio online per rivedere tutto il processo documentale.

Leggi la notizia completa su sito del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione

Ricordiamo che, martedì 8 febbraio, il Dott. Livraga, della Soprintendenza Archivistica della Regione Lombardia, proporrà a Legnano una nuova sessione del Laboratorio formativo sull’albo pretorio on line, in cui si affronteranno gli aspetti più significativi per la gestione efficace di questo nuovo strumento di pubblicità legale.

PROGRAMMA
L’albo pretorio on line: le basi normative.
Aspetti operativi e organizzativi:
– il formato dei documenti;
– la responsabilità e il processo di pubblicazione;
– le tipologie di documenti pubblicati;
– la conservazione dei documenti informatici.
Le linee guida per la tenuta dell’Albo On Line.

INFO E ADESIONI
Per informazioni è possibile scrivere a formazione@blog.sinetinformatica.it oppure chiamare al numero 0331.576848. Per aderire è necessario inviare la scheda di adesione via fax al numero 0331.466302, entro il giorno precedente il corso. Nel caso in cui il numero di adesioni superi la capienza della sala, verranno prese in considerazione le iscrizioni in ordine di ricezione fino al raggiungimento del limite.

Scarica qui il programma completo del corso e il modulo di adesione.