L’ADOC sostiene i consumatori contro la tassa di concessione governativa sui telefoni cellulari

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Avevamo già parlato, in un precedente articolo, del contenzioso aperto in merito alla legittimità della tassa di concessione governativa sui telefoni cellulari. Nei giorni scorsi l’ADOC (Associazione per la Difesa e l’Orientamento dei Consumatori) ha avviato una campagna contro la tassa, prevista per gli abbonamenti di telefonia cellulare sia privati che business.

Tutto è partito da una recente sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Veneto che, a fine  gennaio, è tornata sull’argomento, sancendo l’illegittimità di tale tassa, come nelle precedenti sentenze n. 100/10/09 e n. 102/10/09 della C.T.P. di Vicenza che avevano a loro volta cofermato la tesi sostenuta dalla C.T.P. di Perugia il 16 novembre 2007.
L’ADOC ha quindi messo a disposizione sul proprio sito i moduli per la richiesta del rimborso, tentando, al tempo stesso, di raggiungere un accordo con le compagnie telefoniche che ha invitato ad un tavolo di trattativa.

Attraverso i moduli è possibile richiedere il rimborso di quanto indebitamente pagato negli ultimi 3 anni, per i seguenti importi: 5,16 euro/mese per i contratti privati e 12,91 euro/mese per i contratti business
I titolari di contratti ad uso privato possono quindi chiedere un massimo di 185,76 euro, mentre per i titolari di contratti business il rimborso massimo è pari a 464,76 euro.

L’ADOC specifica che la diffida va inviata alla propria compagnia telefonica, presso la sede legale a mezzo raccomandata A/R, e per conoscenza all’ADOC anche via fax o posta elettronica. E’ inoltre necessario allegare copia delle fatture e delle ricevute di pagamento.

In un comunicato del 4 marzo l’ADOC riferisce che è da considerarsi “significativo l’impegno preso dai gestori di adoperarsi per il riconoscimento definitivo dell’abrogazione dell’imposta, una soluzione che auspichiamo da tempo e che sarebbe auspicabile che si realizzasse congiuntamente. Ci auguriamo pertanto che, operando insieme, si chiarisca definitivamente la questione, arrivando all’eliminazione di una tassa ad ogni modo ingiusta e che la richiamata giurisprudenza tributaria ha ritenuto non più applicabile. Ad ogni modo, qualora non si arrivi ad un chiarimento definitivo in merito, l’Adoc assisterà tutti i consumatori interessati nelle competenti sedi giudiziarie che verranno individuate.”

Vai al sito dell’ADOC

Segui SI.net anche su Twitter e su Facebook

Per informazioni sui servizi offerti da SI.net per accompagnarti nelle continue sfide legate all’innovazione tecnologica, scrivi a comunicazione@blog.sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.