I numeri della PA

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Parte in questi giorni, nell’ambito del Censimento dell’Industria e dei servizi realizzato dall’ISTAT, la Rilevazione sulle Istituzioni pubbliche.

L’Istat con la Rilevazione sulle Istituzioni pubbliche intende produrre un quadro informativo strutturale sulle caratteristiche funzionali, organizzative e territoriali del settore pubblico in Italia, centrato sulle unità istituzionali e sulle unità locali ad esse afferenti, valorizzando il contenuto informativo delle fonti amministrative. A tale scopo l’Istat acquisisce informazioni tradizionali, ma anche dati relativi a nuove tematiche di interesse del settore, quali quelle relative all’amministrazione sostenibile, all’Ict ed alle modalità di erogazione dei servizi sul territorio.

Particolare attenzione è posta all’aggiornamento dell’elenco delle unità locali dipendenti dalle Istituzioni pubbliche ed all’acquisizione di informazioni sulle risorse umane impiegate e sui servizi erogati per ciascuna unità locale. In tal modo si otterrà una rappresentazione statistica censuaria del settore pubblico in Italia con elevato livello di dettaglio territoriale.

La rilevazione sulle Istituzioni pubbliche è articolata in due distinte fasi:

–    nella prima fase, prorogata al 20 settembre, viene richiesto alle Istituzioni pubbliche di compilare un questionario, il Modello per l’acquisizione elenco delle Unità locali delle istituzioni pubbliche, che ha l’obiettivo di aggiornare le informazioni di natura anagrafica della unità istituzionale presente nella lista precensuaria, di acquisire il nominativo del dirigente o funzionario che assume il ruolo di Incaricato del coordinamento della rilevazione per l’unità istituzionale, nonché di acquisire l’elenco delle unità locali di ciascuna unità istituzionale ed i nominativi dei referenti di ciascuna unità locale;

nella seconda fase, con inizio previsto per il 1° ottobre 2012 e termine entro il 31 dicembre 2012, l’Istat fornirà un questionario più complesso, che si articolerà in due modelli: a) un Modello per le Unità Istituzionali, con il quale si richiedono informazioni all’istituzione nel suo complesso, cioè alla sede unica ovvero alla sede centrale e a tutte le unità locale dipendenti; b) un Modello per le Unità Locali, con il quale si richiederanno informazioni relative a ciascuna unità locale afferente all’istituzione, inclusa quella della sede unica ovvero della sede centrale. A partire dal ottobre sarà possibile accedere alla seconda fase collegandosi al seguente link: https://indata.istat.it/cis2011ipfase2

Il questionario, sia nella prima che nella seconda fase della rilevazione, deve essere compilato esclusivamente via Internet, non essendo prevista alcuna forma cartacea di acquisizione delle informazioni e dei dati censuari.

Fonte: sito Istat

Approfondimenti: “Chi ha paura dei numeri nella PA che cambia?” editoriale di Carlo Mochi Sismondi su ForumPA-SaperiPA

__________________________________________________________

Per ricevere aggiornamenti sulle tematiche relative all’innovazione e all’ICT nella PA e nelle Aziende iscriviti alla nostra newsletter.

Per informazioni sui servizi offerti da SI.net per accompagnarti nelle continue sfide legate all’innovazione tecnologica, scrivi a comunicazione@blog.sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.

Segui SI.net anche su Twitter e su Facebook