Studio IBM: maggiori fatturati per chi adotta il cloud

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
IBM ha recentemente presentato i risultati di un’indagine, condotta tra più di 800 responsabili decisionali e utenti del cloud a livello mondiale, secondo cui le organizzazioni che adottano il cloud per innovare e differenziarsi rispetto alla concorrenza, registrano una crescita dei ricavi quasi doppia rispetto alle altre e una crescita dell’utile lordo quasi 2,5 volte.

L’indagine rivelata che l’importanza strategica del cloud per i responsabili decisionali, come i CEO, i CMO, i dirigenti finanziari, delle risorse umane e degli acquisti, è destinata a raddoppiare, dal 34% al 72%, scavalcando la percentuale del 58% attribuita dai CIO. Un’organizzazione su cinque è ben posizionata nella curva di adozione del cloud e ottiene già  vantaggi competitivi – non solo riduzione di costi e  aumento dell’efficienza – grazie al cloud computing.

Dal confronto, si riscontra che le aziende leader:
•    hanno una probabilità del 117 % maggiore di usare il cloud per prendere decisioni basate sui dati;
•    hanno una probabilità del 79 % maggiore di affidarsi al cloud per individuare e sfruttare le competenze ovunque si trovino nell’ecosistema;
•    il 66 % usa il cloud per integrare e applicare tecnologie di mobile computing, social media e collaboration, analytics e Big data.

La ricerca rafforza, e allo stesso tempo conferma che, con un mercato del cloud computing complessivo destinato a toccare i 244 miliardi di dollari entro il 2017,  le aziende leader puntano sempre più a trarre vantaggio da questa opportunità in rapida crescita per trasformare il proprio business.

Fonte: articolo di Antonio Marino su Tech Economy

_______________________________________________________

Per informazioni sui servizi offerti da SI.net per accompagnarti nelle continue sfide legate all’innovazione tecnologica, scrivi a comunicazione@blog.sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.

Per ricevere aggiornamenti sulle tematiche relative all’innovazione e all’ICT iscriviti alla nostra newsletter.

Segui SI.net anche su Twitter e su Facebook