Il MEPA introduce la trattativa diretta

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
mepa Il Mercato elettronico delle Pubbliche Amministrazioni ha introdotto da poco tempo una nuova procedura per effettuare gli affidamenti – la trattativa diretta – che consente una modalità semplificata di richiesta di offerta ad un solo fornitore.

Già prima dell’introduzione di questa nuova modalità era possibile effettuare una richiesta di offerta (RdO) direttamente ad un solo fornitore, tuttavia la pratica era appesantita più del dovuto, prevedendo tutti i passaggi di una normale RdO (criterio di aggiudicazione, parametri di peso/punteggio, invito dei fornitori, gestione dei chiarimenti, gestione delle Buste di Offerta, fasi di aggiudicazione).

Con questa nuova modalità, il MEPA si snellisce per tutte quelle fattispecie di affidamento diretto previste dall’art. 36 c. 2 del D.Lgs. 50/2016. Fattispecie piuttosto comuni, basti pensare ad esempio ai rinnovi annuali dei contratti di manutenzione software degli applicativi in uso presso le PA.

Si riporta di seguito la news comparsa ad inizio mese sul sito del MEPA:

Nell’ambito del MEPA viene istituita la possibilità di utilizzare una nuova procedura per eseguire l’affidamento.

Oltre all’Ordine Diretto e alla Richiesta di Offerta, gli utenti delle Pubbliche Amministrazioni potranno selezionare nel Carrello degli acquisti la “Trattativa Diretta”.

La trattativa diretta si configura infatti come una modalità di negoziazione, semplificata rispetto alla tradizionale RDO, rivolta ad un unico operatore economico.

Come la RdO, la Trattativa Diretta può essere avviata da un’offerta a catalogo o da un oggetto generico di fornitura (metaprodotto) presente nella vetrina della specifica iniziativa merceologica. Non dovendo garantire pluralità di partecipazione, la Trattativa Diretta non ne presenta le tipiche richieste informative (criterio di aggiudicazione, parametri di peso/punteggio, invito dei fornitori, gestione dei chiarimenti, gestione delle Buste di Offerta, fasi di aggiudicazione). Viene indirizzata ad un unico Fornitore, e risponde a due precise fattispecie normative:

Affidamento Diretto, con procedura negoziata , ai sensi dell’art.36, comma 2, lettera A) – D.Lgs. 50/2016

Procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando, con un solo operatore economico , ai sensi dell’art.63 D.Lgs. 163/2006 163/2006 (per importi fino al limite della soglia comunitaria nel caso di Beni e Servizi, per importi fino a 1 milione di € nel caso di Lavori di Manutenzione)

Gli oggetti di fornitura richiesti possono appartenere anche a Bandi diversi, in tal caso il Fornitore dovrà essere abilitato a tutti i Bandi oggetto della trattativa per poter sottomettere la propria offerta.

Come per la RDO, anche nella trattativa diretta le operazioni di trasmissione della richiesta, di risposta del fornitore e dell’eventuale formalizzazione del contratto, vanno effettuate a sistema, secondo le consuete modalità di formalizzazione (caricamento a sistema dei documenti firmati digitalmente).

_______________________________________________________

Per informazioni sui servizi offerti da SI.net per accompagnarti nelle continue sfide legate all’innovazione tecnologica, scrivi a comunicazione@blog.sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.

Per ricevere aggiornamenti sulle tematiche relative all’innovazione e all’ICT iscriviti alla nostra newsletter.

Segui SI.net anche su Twitter e su Facebook.

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

 

Salva