Implementazione del nodo eIDAS: gli ultimi aggiornamenti

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Nei giorni scorsi AgID ha inviato ai Comuni una circolare invitandoli a procedere con l’implementazione al nodo italiano eIDAS (Electronic Identification and Trust Services Regulation) conosciuto come Regolamento (UE) eIDAS N. 910/2014.

È un regolamento che si applica a tutti gli Stati membri dell’Unione Europea e che offre un quadro giuridico uniforme e standardizzato per l’accettazione di firme e identità elettroniche.

Nello specifico, le amministrazioni devono compilare il questionario allegato alla comunicazione, indicando, in riferimento agli accessi SPID – CIE – CNS – eIDAS:

  • le implementazioni effettuate o da effettuare;
  • i tempi di realizzazione;
  • la modalità con cui si intende procedere. Più precisamente, bisogna specificare se l’implementazione è stata o verrà realizzata autonomamente, ad esempio da un dipendente, tramite aggregatore o tramite un fornitore.

Se non si intende procedere con l’implementazione, bisogna fornire opportuna giustificazione.

Il questionario va inviato alla PEC 18bis_eidas@pec.agid.gov.it entro il 30 luglio prossimo.

Si ricorda che l’implementazione di eIDAS è oggetto di una procedura di infrazione (N. 2018/2374) avviata dalla Commissione Europea verso l’Italia per presunta violazione degli obblighi imposti, tra gli altri, proprio dal Regolamento eIDAS. Da qui discende la comunicazione in oggetto, essendo AgID l’organo deputato a vigilare sulla corretta applicazione ed attuazione delle norme in materia di innovazione tecnologica.

La comunicazione in questione è rilevante perché si sovrappone a quanto richiesto dagli Avvisi della Misura 1.4.4 del PNRR, relativa proprio all’estensione dell’utilizzo delle piattaforme nazionali di identità digitale. L’Allegato 2 indicava solo come raccomandata l’adesione al nodo italiano eIDAS, in contrasto con quanto emerge dalla circolare che, per contro, ne ricorda l’obbligatorietà, alla luce della procedura d’infrazione.

Ciò detto, è chiaro che le Amministrazioni sono tenute a procedere con l’implementazione eIDAS, senza che ciò rilevi ai fini del PNRR. L’implementazione eIDAS non è comunque necessaria per avere i fondi dell’Avviso 1.4.4, però è probabile che sarà oggetto di attenzioni da parte di AgID.

Per informazioni sull’offerta di SI.net Servizi Informatici per accompagnarti nelle continue sfide legate alla trasformazione digitale, scrivi a comunicazione@sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.

Per ricevere aggiornamenti sulle tematiche relative all’innovazione nell’ICT iscriviti alla nostra newsletter.

Segui SI.net anche su Twitter, Facebook, YouTube, LinkedIn, Telegram