In vigore il Decreto “Milleproroghe” 2010

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 30 dicembre 2009 il Decreto Legge 29 dicembre 2009 n. 194: “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative”. Diversi i punti di interesse per gli Enti Pubblici Locali, in particolare le disposizioni sull’Albo Pretorio informatico e cartaceo presenti nell’art. 32 della Legge 69/2009. 


Il Decreto “milleproroghe”, con ben 11 articoli e  77 commi, presenta pochi ritocchi rispetto al testo entrato al Consiglio dei ministri la settimana prima di Natale (sono saltate le norme su azionisti Alitalia, proroga ordini avvocati e consiglio nazionale forense, conti dormienti  e indennizzi ai soggetti danneggiati dalle vaccinazioni).
Per quanto riguarda gli Enti Pubblici Locali, i punti di interesse sono i seguenti:

Per quanto riguarda gli Enti Pubblici Locali, i punti di interesse sono i seguenti:

1) Prorogato al 1° gennaio 2011 il termine per l’inserimento delle impronte digitali nella carta d’identità in formato cartaceo;
2) Prorogate al 1° gennaio 2011 le norme per la sicurezza stradale introdotte con il nuovo codice della strada, riguardanti il divieto per i neopatentati con patente B, per il primo anno, di guidare vetture con potenza superiore a 50kw/t;
3) Prorogato al 1° luglio 2010 il 5° comma dell’art. 32 della legge 69/2009 in base al quale dal 1° gennaio 2010 sarebbe dovuta venire meno la pubblicità legale all’Albo Pretorio cartaceo;
4) Prorogato al 31 dicembre 2010 il termine entro il quale gli interessati all’apertura dei cosiddetti “internet points” dovranno essere in possesso della licenza del Questore;
5) Prorogata al 30 giugno 2010 l’entrata in vigore del divieto di utilizzo degli arbitrati per la risoluzione di controversie in materia di contratti pubblici;
6) Prorogati al 31 dicembre 2011 gli adempimenti obbligatori preliminari alla commercializzazione dei prodotti omeopatici;
7) Prorogate al 30 giugno 2010 le nuove disposizioni in materia di tariffa per lo smaltimento dei rifiuti.

Di particolare interesse è la proroga, di cui al punto 3, relativa all’Albo Pretorio: il termine entro cui verrà meno la pubblicità legale dell’Albo Pretorio cartaceo, previsto per il 1° gennaio 2010 dal comma 5, art. 32, legge 69/2009, è slittato al 1° luglio 2010. Ma ad essere prorogato è solo questo termine, mentre rimane in vigore il comma 1 dello stesso articolo dove si dice che “A far data dal 1º gennaio 2010, gli obblighi di pubblicazione di atti e provvedimenti amministrativi aventi effetto di pubblicità legale si intendono assolti con la pubblicazione nei propri siti informatici da parte delle amministrazioni e degli enti pubblici obbligati”. Ciò significa che l’obbligo legale di pubblicazione degli atti sull’Albo Pretorio informatico non viene meno, ma che per 6 mesi viene ad affiancarsi all’obbligo di pubblicazione cartacea per poi sostituirlo a partire dal 1 luglio 2010.

Qui potete scaricare il testo integrale del Decreto Milleproroghe 2010

La disposizione relativa all’Albo Pretorio ha subito delle modifiche nella stesura definitiva del Milleproroghe.
Leggi l’articolo: Albo Pretorio online: rimandato al 2011 l’effetto di pubblicità legale