SUAP, il processo di autocertificazione

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Entro il prossimo 28 gennaio i Comuni che vogliano mantenere la gestione dello Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) devono autocertificare il possesso dei requisiti tecnici minimi previsti nel Dpr 160/2010. Ma il processo di autocertificazione è piuttosto articolato…

La procedura per l’attestazione dei requisiti SUAP si avvia cliccando sulla spalletta sinistra di questa pagina del portale Impresainungiorno.gov.it.

E’ necessario utilizzare la CNS per l’autenticazione durante la fase istruttoria del processo di autocertificazione. Ma cliccando sul link, anche con la CNS inserita, al primo tentativo il sito restituisce “errore di connessione”. Questo perchè il certificato deve essere installato nel browser che si sta utilizzando, e il meccanismo non è automatico.

Ad esempio, nel tentativo effettuato con il certificato di autenticazione presente nella Business Key di Infocamere si è reso necessario utilizzare il browser Mozilla presente sulla chiavetta e installare il certificato della CNS.

Occorre caricare il modulo e l’apposita DLL presente nel percorso

C:\Windows\System32\bit4ipki.dll

(l’immagine rappresentata è puramente esemplificativa e potrebbe differire dalla realtà riscontrata).

La procedura non è molto agevole, ma è possibile ricorrere al valido supporto dell’help desk telefonico che risponde allo 06.64.892.892: il personale si è rivelato disponibile e preparato.

Una volta caricato il certificato, cliccando sul link si attiverà la pratica di certificazione. Vediamo quali sono le fasi:

1) Inserimento informazioni sottoscrittore

La procedura web di attestazione dei requisiti SUAP può essere compilata direttamente dal responsabile SUAP (che al termine dovrà sottoscrivere la istanza con la propria firma digitale) oppure da altra persona incaricata che, dopo aver compilato tutte le pagine previste, salverà l’istanza creata (con l’apposita funzione scarica il PDF) e la sottoporrà al responsabile per la sottoscrizione digitale:

2) Inserimento dati del SUAP

Nella seconda fase vanno riportati alcuni dettagli relativi al SUAP:

3) Inserimento recapiti del SUAP

4) Inserimento dati del Responsabile

5) Caricamento di eventuali allegati (nel caso di convenzioni e forme associative di gestione del SUAP)

Una volta terminato il processo caricamento dei dati si potrà procedere alla generazione del PDF attestante l’esistenza dei requisiti richiesti: questo documento dovrà essere scaricato, firmato digitalmente dal Responsabile SUAP e ricaricato sul sito.

In questa fase si richiede di indicare l’indirizzo web del SUAP e della pagina in cui è disponibile la modulistica, oltre che l’indirizzo di PEC utilizzato per le comunicazioni e i dati del Responsabile SUAP.

L’effettivo funzionamento del portale e lo sviluppo dei procedimenti dovranno essere approntati entro il prossimo 28 marzo. Per maggiori dettagli è possibile leggere il nostro precedente articolo.

AGGIORNAMENTO: A seguito di alcune richieste di chiarimenti giunteci in redazione, abbiamo riportato alcune precisazioni operative in quest’altro articolo.

Per informazioni sui servizi offerti da SI.net per accompagnarti nelle continue sfide legate all’innovazione tecnologica, scrivi a comunicazione@blog.sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.

Segui SI.net anche su Twitter e su Facebook