Nuovo regolamento per la gestione dell’Indice Nazionale delle Anagrafi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
E’ online il decreto interministeriale che adegua la disciplina dell’Indice Nazionale delle Anagrafi all’ampliamento delle informazioni contenute nell’Indice stesso. I Comuni dovranno cooperare per l’integrazione dei dati.

Il Ministero dell’Interno, d’intesa con il Ministero per la Pubblica Amministrazione e Semplificazione e con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, ha adottato il nuovo regolamento di gestione dell’Indice nazionale delle anagrafi (INA). Il relativo decreto – n.32 del 19 gennaio 2012 – è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 30 marzo.

Il provvedimento armonizza la gestione dell’INA con le modifiche apportate al suo contenuto dall’articolo 50, comma 5, del decreto legge n.78/2010 convertito dalla legge n.122/2010 (Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e competitività economica), il quale amplia il novero di informazioni anagrafiche essenziali comprese nell’Indice estendendole a cittadinanza, indirizzo anagrafico e famiglia anagrafica.
Il decreto – 9 articoli più un allegato tecnico – oltre a elencare le informazioni contenute nell’INA alla luce della nuova normativa, disciplina le sue modalità di costituzione e aggiornamento e la vigilanza sulla tenuta delle anagrafi e individua i responsabili del trattamento dei dati e le misure di sicurezza per il sistema.
L’allegato tecnico, invece, descrive l’architettura di sicurezza dell’INA.
L’obiettivo dell’ampliamento delle informazioni anagrafiche all’interno dell’INA, spiega la circolare n.8/2012 del Capo Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali del Ministero dell’Interno, è contribuire al processo di razionalizzazione e semplificazione dell’azione amministrativa rendendo disponibili in tempo reale i dati così integrati alle Pubbliche Amministrazioni collegate al Centro Nazionale per i Servizi Demografici del Ministero, che è l’infrastruttura tecnologica nella quale è ubicato l’Indice.
Per integrare l’INA, precisa la circolare, è necessaria la cooperazione dei Comuni che dovranno inviare i nuovi dati all’Indice usando una versione aggiornata del software che già utilizzano, per l’aggiornamento della quale i Servizi anagrafici mettono a disposizione sul proprio sito la relativa documentazione tecnica.
A partire dall’entrata in vigore del decreto interministeriale è abrogata la precedente normativa sulla tenuta dell’Indice.

Segui SI.net anche su Twitter e su Facebook. Iscriviti alla nostra newsletter.

Per informazioni sui servizi offerti da SI.net per accompagnarti nelle continue sfide legate all’innovazione tecnologica, scrivi a comunicazione@blog.sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.