“Decreto del Fare”, cancellato il DURT

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Con un emendamento al “Decreto del Fare”, il Senato cancella l’introduzione del DURT (Documento Unico di Regolarità Tributaria), mentre permane la responsabilità solidale negli appalti.

Il DURT, così come introdotto nel Decreto del Fare, avrebbe dovuto sostituire il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva), prevedendo nel contempo di eliminare la responsabilità solidale negli appalti privati qualora l’appaltatore, dietro apposita richiesta del DURT per via telematica fatta all’Agenzia delle Entrate, verificasse che il subappaltatore fosse in regola con gli adempimenti fiscali.

Questa verifica sarebbe stata possibile grazie a comunicazioni regolari e assidue all’Agenzia delle Entrate da parte delle aziende in merito a tutti i documenti primari in riferimento alle retribuzioni dei dipendenti, ai corrispettivi contributi versati e tutte le imposte a corredo.

Il DURT avrebbe quindi comportato ulteriori oneri per le imprese e, in seguito alle polemiche subito sollevate in merito, le forze politiche avevano anticipato che vi sarebbe stata una revisione o un annullamento della disposizione.

__________________________________________________________

Per ricevere aggiornamenti sulle tematiche relative all’innovazione e all’ICT nella PA e nelle Aziende iscriviti alla nostra newsletter.

Per informazioni sui servizi offerti da SI.net per accompagnarti nelle continue sfide legate all’innovazione tecnologica, scrivi a comunicazione@blog.sinetinformatica.it o telefona allo 0331.576848.

Segui SI.net anche su Twitter e su Facebook