Un ruggito tinto di rosso… XTM 8 e XTM 5 WatchGuard, il futuro è già qui!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Testati per voi
Testati per voi…
Vi presentiamo una nuova rubrica di recensioni scritte dai nostri giovani e preparati tecnici su prodotti e soluzioni tecnologiche testati sul campo. Cominciamo oggi con alcuni prodotti della suite di WatchGuard, una delle principali case produttrici di soluzioni di difesa perimetrale (firewall).
 


Velocità, affidabilità e sicurezza sono gli appellativi con i quali potremmo provare a descrivere i prodotti WatchGuard dopo le innumerevoli installazioni e personalizzazioni di questi firewall; così versatili da essere in grado di gestire molteplici linee con un semplice clic.

Ogni firewall che si rispetti dev’essere in grado di scandagliare velocemente il traffico dei dati, quasi alla velocità della luce, perché ogni ritardo nell’istradamento significa un ritardo di visualizzazione/invio dei dati da parte dell’utente finale. Così WatchGuard si prepara ogni giorno a battere sé stessa, proponendo soluzioni all’avanguardia frutto della ricerca di perfezione.

Ogni prodotto è pienamente configurabile tramite il software proprietario WSM (WatchGuard System Management); un connubio ideale fra versatilità e praticità fanno di questo software uno dei migliori sul mercato per la gestione dell’hardware. Attraverso semplici schermate, ideate per esser gestite sia da Senior che da Junior, è possibile generare l’alberatura principale delle regole del nostro Firewall, andando successivamente a filtrare ogni opzione di traffico, in base alla regola selezionata o il pacchetto desiderato.

Semplici icone, ci indicano la tipologia di regola, la direzione del traffico (entrata e/o uscita), l’attivazione della regola stessa o le priorità del gruppo di regole selezionato. Chiunque con un po’ di dimestichezza è in grado di gestire autonomamente le più basilari regole, riuscendo così ad ampliare il bacino di utenza di questa tipologia di apparati.

I prodotti Watchguard possiedono inoltre la possibilità di compiere una rilevazione delle minacce e/o bontà dei certificati su un sito internet svolgendo controlli incrociati coi server WatchGuard, realizzando così una banca dati comune accessibile a tutti i prodotti, garantendo una protezione continua ed efficace alle minacce on-line.

I prodotti WatchGuard sono studiati per durare nel tempo grazie ai materiali di pregio che lo compongono e allo studio di circuiti sempre meno “avidi” di energia, riuscendo a proporre sul mercato dispositivi in grado di gestire il traffico dati di 500 c.a. postazioni con un consumo davvero ridotto.

L’importanza di questi dati diventa tangibile quando ci si rende conto che la possibilità di Clustering delle soluzioni WatchGuard diventa realtà; ciò che prima era un privilegio di pochi a causa dei consumi, adesso sta diventando una realtà concreta. Troviamo così prodotti come XTM8 che sono in grado di gestire il traffico in Cluster, rendendo il compito del Firewall ancora più efficace e veloce.

Vi sono poi soluzioni ideate per le medie-piccole imprese, che non hanno necessariamente bisogno di gestire 200 regole di Firewall e possiedono presso la loro struttura circa cento postazioni. Per queste realtà i prodotti della serie XTM5 sono i colleghi ideali, in grado di poter gestire autonomamente l’intera infrastruttura assieme alle sedi distaccate, confermando la leadership nel settore di quest’azienda.

Con un throughput che arriva fino a 3,5 Gbps si attesta come uno dei più brillanti della sua categoria, affiancato poi dal processore Intel Celeron E3400 ad una frequenza di 2,60GHz, ci troviamo di fronte ad un prodotto potente e veloce che facilmente si potrà integrare in qualsiasi sala server.

Il voto non può che essere positivo per questi prodotti che garantiscono un ottimo rapporto qualità/prezzo, ed un’invidiabile livello di sicurezza e personalizzazione delle configurazioni.

_______________________________________________________

Per ricevere aggiornamenti sulle tematiche relative all’innovazione e all’ICT iscriviti alla nostra newsletter.

Segui SI.net anche su Twitter e su Facebook