Mettiamoci la faccia: possono essere presentate fino al 31 luglio 2010 le domande di finanziamento

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Sono 130 le PA che finora hanno aderito all’iniziativa ideata dal Ministro Brunetta: il sistema che punta a migliorare la qualità dei servizi pubblici grazie alla rilevazione della customer satisfaction con le emoticon (cosiddette “faccine”). Sono oltre mille attualmente gli sportelli dotati di touchscreen con emoticon.



Già diversi gli Enti che hanno beneficiato degli incentivi diretti ai piccoli Comuni per l’acquisto delle dotazioni tecnologiche necessarie: Comuni di Binago (CO), Irgoli (NU), Lenno (CO), Liveri (NA), Montazzoli (CH), Montemaggiore Belsito (PA), Telti (OT), Tremezzo (CO) e l’Unione dei Comuni della Tremezzina (CO).

Il finanziamento è disponibile per i 5708 piccoli comuni (con una popolazione residente inferiore a 5000 abitanti) e le circa 300 unioni di comuni (costituite per almeno il 50% da piccoli comuni) ed è finalizzato agli acquisti di dotazioni tecnologiche attraverso il Mercato elettronico per le Pubbliche Amministrazioni (MePA), gestito da Consip. Il finanziamento potrà inoltre essere integrato per i piccoli comuni privi della firma digitale e della Posta Elettronica Certificata.

Il fondo destinato al progetto ammonta a 1,5 milioni di euro, erogati in tranche da 500.000 euro sulla base di specifici avvisi. Il finanziamento è assegnato sotto forma di bonus per l’acquisto delle tecnologie presso i fornitori abilitati all’interno del MePA e può riguardare sia i soli Terminali interattivi, cioè i dispositivi touch-screen, che i Kit per la rilevazione della soddisfazione degli utenti della PA, ovvero soluzioni che, oltre al terminale, forniscono il software e l’hardware necessari.

Per quanto riguarda lo stato della sperimentazione: questi i principali servizi sottoposti al giudizio degli utenti:

– Servizi demografici (es., anagrafe, stato civile, servizi funerari, carta di identità elettronica)
– Servizi tributari (es., Ici, Tarsu)
– Servizi delle biblioteche comunali (es., prestiti bibliotecari)
– Servizi scolastici
– Servizi alle imprese (es., iscrizione ad albi e registri delle imprese, servizio protesti)
– Servizi di informazione turistica
– Urp
– Pratiche automobilistiche (es., trasferimenti di proprietà, certificati e visure PRA)
– Servizi previdenziali (es., certificazioni pensionistiche, estratti contributivi, prestazioni
creditizie/benefici sociali, 730, previdenza complementare, trattamenti di fine servizio)
– Servizi amministrativi in sanità (es., Centro Unico di Prenotazione, Scelta e cambio del medico,
esenzione ticket)
– Servizi al contribuente per la gestione del rapporto fiscale (es., informazioni e  assistenza su pratiche
e adempimenti fiscali, ricezione e trattamento delle dichiarazioni, degli atti e dei rimborsi)
– Carte di circolazione ritirate, servizi di revisione e collaudo, verifica documenti emessi
– Servizi postali di sportello

Ma come hanno accolto l’iniziativa i cittadini?

Solo nel mese di febbraio sono stati raccolti più di 200 mila giudizi, mentre quelli registrati dal 23 marzo 2009 allo scorso 28 febbraio sono stati complessivamente oltre un milione 700 mila. Quasi un utente su 2 dà il proprio feed-back sui servizi erogati al telefono e circa uno su 5 sui servizi erogati attraverso sportelli e web.
Per quanto riguarda i risultati in termini di customer satisfaction: le faccine verdi (giudizio positivo) sono largamente prevalenti (89% per gli sportelli, 86% per il telefono, 78% per il web). Il trend dell’ultimo mese segnala infine una leggera crescita del gradimento per i servizi erogati tramite sportello (+1%) e telefono (+1%), stabili invece le valutazioni riguardanti i servizi erogati via web.

Per maggiori informazioni sul servizio offerto da SI.net di reperimento finanziamenti è possibile scrivere a: sinet@blog.sinetinformatica.it o telefonare al numero unico servizio clienti: 0331-576848